Credete alle favole...

“Le magnifiche rovine di Montfort situate su una penisola -, le più belle che io abbia mai visto”.

Così descrive Annette von Droste-Hülshoff in una lettera le rovine di Montfort, che nel 1861 furono abbattute per dare vita ad un castello da favola.


Il castello Montfort costruito nel 1866 in stile moresco è il simbolo di Langenargen. Situato su una piccola penisola nel lago, è oggi un posto per sognare, festeggiare, mangiare e divertirsi.

La storia del castello Montfort

Credete alle favole...

Fortezza, residenza, rovine – dal 14° al 19° secolo​

Il castello Montfort, il simbolo di Langenargen con una posizione unica sul Lago di Costanza, ci racconta una lunga storia. Già all'epoca romana esistevano su un'isoletta due torri l'una vicino all'altra. Nel 14° secolo i conti Montfort realizzano una roccaforte. Nel 18° secolo sempre i conti Montfort ampliano il castello in stile barocco con l'aggiunta di un giardino d'aranceti. Dopo la vendita alla contea d'Austria nel 1780, iniziò l'abbandono dell'impianto. Infine, la fortezza servì ai cittadini di Langenargen come scorta di pietre, ne rimase così solo una rovina.

Il castello Montfort - un tocco d'oriente sul Lago di Costanza

Dopo che Langenargen nel 1810 entrò a far parte della regione del Württemberg, Wilhelm I fece abbattere le rovine per dare inizio alla realizzazione di un castello sullo stesso sito. Re Wilhelm purtroppo morì nel 1864, prima dell'ultimazione della “Villa Argena”, come il castello Montfort originariamente doveva essere denominato. Suo figlio e successore, re Carlo I, decretò il cambio del nome in “Castello Montfort”. Dopo il completamento nel 1866, re Carlo lascia utilizzare il castello a sua madre Paolina per il soggiorno dei mesi estivi. Vicino alla residenza reale, si edificò anche un altro edificio denominato Casa del Cavaliere (Kavalierhaus). Visto che la madre regina utilizzò il castello solo nell'estate del 1867, nel 1873 fu venduto alla principessa Luisa di Prussia, una nipote dell'imperatore Wilhelm I, che trascorse regolarmente i mesi estivi a Langenargen fino alla sua morte avvenuta nel 1901.
 
Una particolarità del castello sono i dettagli in stile moresco, come ad esempio i mattoni rossi e gialli a forma di linea, oppure i rilievi in terracotta sulla parte alta delle mura, i quali si ritrovano anche al castello Wilhelma di Stoccarda. L'edificio è un esempio importante dello stile architettonico orientale del 19° secolo. Oltre allo stile moresco e agli elementi classici, c'è anche la tradizionale rappresentazione del castello medievale attraverso la merlatura rappresentante una corona.

Il castello Montfort oggi

Oggi il castello Montfort appartiene al Comune di Langenargen, che nel 1978 ha effettuato una ristrutturazione generale. La sala dei concerti al piano superiore con la sua terrazza che si affaccia direttamente sul lago, viene utilizzata per diverse manifestazioni. Al piano terra un ristorante invita a festeggiare, divertirsi e a sognare.


Salite sulla torre del castello!

Salite sulla torre del castello!

Con una piccola scala a chiocciola, situata all'interno della torre stessa, si arriva al punto di osservazione. Da qui si può buttare lo sguardo sul lago, sulle Alpi svizzere difronte e sull'entroterra. Spettacolari sono anche le viste sul centro storico di Langenargen e sul porto delle barche.
 
Periodo e orario d'apertura:
dal 01/03 al 31/10,
giornaliero, dalle 10 alle 12 e dalle 13 alle 17.
 
Ingresso:
adulti 2,00 €; bambini 1,50 €
 
Ingresso libero con la BodenseeErlebniskarte, riduzione con la Bodenseegästekarte.


Collezione di dipinti del dott. Günther Grzimek

Gioielli d'arte dal 16° al 18° secolo​

Gli ambienti del castello Montfort sono decorati da dipinti del 16°/18° secolo, che provengono dalla collezione privata di Günther Grzimek e che oggi appartengono al comune di Langenargen.
 
Dott. Günther Grzimek (1887-1980) iniziò a Berlino nel primo quarto del 20° secolo con la raccolta dei suoi dipinti. Dopo la seconda guerra mondiale continuò la sua attività di raccolta a Ravensburg e a Friedrichshafen. A Langenargen la storia della raccolta inizia negli anni cinquanta quando i dipinti vengono dati in prestito per essere esposti nel castello Montfort. Nel 1983 il comune di Langenargen compra 35 dipinti della collezione e ne espone 31 nel castello. I dipinti mostrano 24 scene bibliche e rappresentazioni di santi, 4 mitologie, paesaggi e allegorie.
 
A metà degli anni novanta, i dipinti sono stati esaminati da esperti e a secondo della priorità restaurati. Dal 2002 la collezione viene restaurata gradualmente. 

Grzimek scrive sulla sua passione per il collezionismo...

“Per quarant'anni mi sono appassionato alla ricerca della pittura europea, questo è stato un periodo irrequieto, dinamico e creativo. Ho cercato di comprare ogni dipinto utile, anche quelli che possedevano vernice sporca e screpolata, ma è proprio così, che si distinguono quelli originali da quelli restaurati. La gioia della scoperta è sempre grande, quando i colori attraenti, lasciano intuire ad un nuovo stile o uno già precedentemente utilizzato. Ma per favore, controlli Lei stesso, egregio amico d'arte, lasci agire su di se, attraverso le immagini, l'intuizione creativa e il pensiero critico”.
 
Dalla prefazione al catalogo "Dal sorgere dell'era moderna. Manuale di dipinti del manierismo europeo" del dott. Günther Grzimek.


Concerti estivi di Langenargen

Concerti estivi di Langenargen

Perle nazionali e internazionali sul Lago di Costanza​

Già da 40 anni vengono eseguiti nella sala dei concerti del castello Montfort i concerti estivi di Langenargen.
Numerosi artisti internazionali e stimate orchestre, sono felici di esibirsi, anno dopo anno, da giugno ad agosto, davanti ad un pubblico che in parte è venuto da lontano. La bellissima sala dei concerti al primo piano del castello con vista sul lago, offre l'ambiente ideale per i concerti. Durante la pausa gli spettatori potranno gustarsi un bicchiere di spumante sulla terrazza con vista sulle Alpi svizzere. Musica, natura e architettura si mescolano qui in modo meraviglioso.

Programma dei concerti: www.langenargen-schlosskonzerte.de


 

Contatti

Amt für Tourismus, Kultur und Marketing
Obere Seestraße 2/1
Fon +49 (0)7543/9330-92
Fax +49 (0)7543/9330-5538
touristinfo@langenargen.de

powered by ITEOS